Dati del paese

bandiera di Myanmar Myanmar (BUR) - Asia

mappa di Myanmar

Capitale:  Naypyidaw

Popolazione: 46.900.000
Superficie: 676.577 km2
Fuso orario: +5,30h rispetto all'Italia, +4,30h quando in Italia vige l'ora legale.

Lingue:  la lingua ufficiale è il birmano. L’inglese è abbastanza diffuso nella classe medio-alta della popolazione.

Religioni: buddhista,  musulmana, cristiana.

Prefisso per l'Italia: 0039
Prefisso dall'Italia: 0095 

 

Meteo

 Dati meteo non disponibili

 

Ambasciate e Consolati

Ambasciata d’Italia a Yangon:
No. 3, Inya Myaing Road, Golden Valley, Yangon (Myanmar)
Tel.:  (00951) 52.71.00 – 52.71.01
Fax: (00951) 51.45.65
Telefono cellulare di reperibilità del Funzionario di turno:095419505
(dall'Italia 009595419505).
 
Indirizzo e-mail: ambyang.mail@esteri.it;
Sito Internet: www.ambyangon.esteri.it

 

 

Indirizzi utili

Polizia:199 – 54.93.09. – 54.92.30 – 54.99.63 (ext. 355)

Pronto Soccorso:
Yangon General Hospital
Tel.: 25.61.12. – 25.61.31
 
“SOS INTERNATIONAL CLINIC”
Tel.: 66.78.71

Dove siamo nel mondo

Stai per visitare questo paese?
Registra il tuo viaggio nel sito "Dove siamo nel mondo" per essere rintracciato in caso di emergenza.

  1. Vai al sito dove siamo nel mondo

Consulta la scheda


Visualizza e stampa la scheda Visualizza e stampa la scheda

 

Schede paesi limitrofi



Prima di partire

Sono presenti contenuti su questo paese nella sezione Salute in viaggio

Centri di vaccinazione

Lista completa di tutti i centri di vaccinazione sul territorio italiano.

 

Passaporto

Guida completa per il rilascio del passaporto, dal sito della Polizia di Stato.

  1. vai al sito

 

Patente internazionale

Tutte le informazioni utili per ottenere in Italia la patente internazionale di guida, dal sito dell'ACI.

  1. vai al sito

 

Tassi di cambio

Convertitore aggiornato con tutte le valute del mondo, a cura della Banca d'Italia

  1. vai al sito


Servizio realizzato in collaborazione con:

logo ACI

Home > I Paesi > Myanmar

Avvisi particolari

Diffuso il 09.09.2014. Tuttora valido.

Sicurezza

Si sono recentemente verificati scontri tra gruppi di musulmani e buddhisti nella citta' di Mandalay. Il coprifuoco imposto a Mandalay ed alle municipalita’ circostanti a seguito degli scontri e’ stato sospeso l’11 agosto 2014.
Si raccomanda, in ogni caso, particolare attenzione e cautela nel caso di una visita nell'area e, comunque, di attenersi scrupolosamente alle decisioni delle autorità locali in materia di sicurezza.

Più in generale, a seguito di scontri intra-comunali recentemente ripetutisi in alcune aree del Paese, vigono tuttora i provvedimenti adottati dalle Autorità del Myanmar in termini di stato di emergenza.  Tali incidenti derivano da un innalzamento della tensione nello Stato Rakhine/Arakan, con scontri tra la maggioranza locale di fede buddista e la comunità musulmana originariamente di immigrazione dal Bangladesh.

Il Paese attraversa una congiuntura delicata a causa del rilevante processo di trasformazione politico, economico e sociale che - negli ultimi mesi - sta investendo il Myanmar in tutti i settori. Si consiglia pertanto di esercitare cautela durante la permanenza, tenendosi lontani da luoghi di manifestazioni e da assembramenti, evitando di fotografare o filmare militari, poliziotti ed eventuali dimostranti.

Anche a causa del recente, ulteriore deterioramento delle condizioni di vita della popolazione determinato dall’aumento dei prezzi, il tasso di criminalità, in precedenza relativamente basso, è nel corso degli ultimi anni aumentato, soprattutto nelle zone residenziali. I furti nelle abitazioni stanno diventando sempre più frequenti, soprattutto ai danni della comunità straniera, ed è necessario adottare ogni precauzione, a partire dalla scelta del personale domestico. Si rileva anche un aumento di episodi microcriminalita’ a danno dei turisti occidentali in visita in Myanmar, il cui numero sta aumentando esponenzialmente negli ultimi mesi in ragione della mutata situazione politica. Si suggeriscono dunque le cautele d’uso, in particolare nei luoghi di maggiore attrazione turistica quali Bagan.

Il locale Ministero del Turismo, d’intesa con quello dell’Interno, emana le disposizioni relative alle restrizioni d’accesso alle diverse regioni del Paese. L’accesso ad alcune aree è interdetto agli stranieri.

Si suggerisce di tenersi aggiornati sull'evolversi della situazione assumendo informazioni attraverso i mass media locali ed internazionali e di attenersi ai suggerimenti forniti dal presente sito ed eventualmente dall'Ambasciata d’Italia a Yangon. Si raccomanda di attenersi alle misure eventualmente impartite dalle Autorità locali.

Si consiglia ai connazionali di registrare i dati relativi al viaggio sul sito DoveSiamoNelMondo.

Si ricorda, infine, che nel Paese possono registrarsi eventi sismici.

 



 

Informazioni generali

DOCUMENTAZIONE NECESSARIA ALL’INGRESSO NEL PAESE 

Passaporto: necessario, con validità residua non inferiore a 6 mesi dalla scadenza dal momento dell'entrata in Myanmar.

Viaggi all’estero dei minori: si prega di consultare il Focus: “Prima di partire - documenti per viaggi all’estero di minori” sulla home page di questo sito.

Visto d’ingresso: necessario, da richiedersi presso l’Ambasciata dell’Unione del Myanmar a Roma. Viale di Villa Grazioli, 29 00198 Roma.
Tel.: (06) 36.30.37.53 – 36.30.40.56 - Fax: (06) 36.29.85.66
Il visto turistico ha una validità di 28 giorni.

Dal 1 giugno 2012 è stata parzialmente reintrodotta la possibilità di ottenere un visto d’ingresso in aeroporto a Yangon, ad esclusione di visti per turismo e, comunque, previa una complessa procedura burocratica da avviare con largo anticipo in Italia. Si raccomanda, pertanto, ai connazionali che intendano recarsi in Myanmar per motivi di turismo, di richiedere il visto presso l'Ambasciata del Myanmar a Roma, con largo anticipo rispetto alla prevista data di partenza.

Vaccinazioni obbligatorie: Il vaccino contro la febbre gialla è obbligatorio per tutti i viaggiatori  di età superiore ad 1 anno provenienti da Paesi a rischio di trasmissione della malattia, con l’esclusione di Panama, nonché per i viaggiatori che abbiano anche solo transitato per più di 12 ore nell’ aeroporto di un Paese a rischio di trasmissione della malattia.

Formalità valutarie e doganali: è obbligatorio dichiarare, all’entrata ed all’uscita dal Paese, qualsiasi valuta straniera il cui ammontare superi o sia equivalente al valore di 10.000 Dollari USA. I bagagli dei viaggiatori possono essere sottoposti a controlli accurati.
Qualsiasi pubblicazione o materiale audiovisivo, considerato dalle Autorità locali di natura indecente o lesiva dell’interesse ed integrità del Paese , può essere sottoposto a sequestro.

E’ obbligatorio dichiarare all’arrivo il possesso di eventuali gioielli (anelli, bracciali, collane, etc.) indicandone il valore.
Gli inadempienti potrebbero, al momento della partenza, essere sospettati di esportazione illegale di preziosi.
E’ illegale l’esportazione di oggetti di culto, di antiquariato e frammenti di monumenti.
Si raccomanda di evitare di raccogliere frammenti di monumenti che apparentemente giacciono incustoditi. I controlli doganali sono particolarmente attenti e severi.
L’acquisto di pietre preziose, gioielli e oggetti di valore, a solo scopo personale, deve essere effettuato esclusivamente presso negozi autorizzati, i quali sono tenuti a rilasciarne ricevuta, necessaria all’esportazione, da esibire alle autorita’ aeroportuali all’uscita del Paese.
E’ consentito:
a)  effettuare pagamenti  e  ritirare denaro in contante con carte di credito Mastercard e Visa;
b) avvalersi di trasferimenti valutari internazionali (tranne quelli in dollari USA).
Si consiglia vivamente ai viaggiatori di arrivare in Myanmar con sufficiente valuta in contanti preferibilmente Euro o Dollari USA di nuova stampa.
.


Sicurezza

(Si veda Avviso particolare)

Il tasso di criminalità in particolare nelle zone turistiche, è basso. Particolare cura è posta dalle Autorità locali per promuovere il turismo, che trova generalmente un ambiente favorevole e sereno. Gli spostamenti all’interno del Paese, soprattutto nelle zone di maggior interesse turistico, non presentano di norma particolari difficoltà.
Il locale Ministero del Turismo emana la lista delle zone e delle regioni dove vige il divieto di accesso. Si consiglia di acquisire preventivamente informazioni sull’accessibilità delle regioni che si intende visitare presso l’Ambasciata del Myanmar, tenendo conto del fatto che le zone interdette possono comunque variare in qualsiasi momento senza preavviso e che è bene verificare sempre in loco se la località che si intende visitare sia effettivamente accessibile. Tra le zone proibite si segnala il Kayah State. 

Nella stagione delle piogge (da aprile a ottobre) è possibile il verificarsi di fenomeni ciclonici, anche di importante violenza e entità, che potrebbero provocare danni e situazioni di emergenza.

ZONE A RISCHIO SCONSIGLIATE:
1) la zona di frontiera con la Thailandia
, teatro di occasionali scontri a fuoco poiché vi si trovano contrabbandieri, gruppi di ribelli e di rifugiati. In particolare si consiglia di evitare lo Stato dello Shan (nella regione di Tachileik) e lo Stato del Kayin (nella regione del Myawadi);
2) lo Stato del Rakhine nella zona di frontiera con il Bangladesh
caratterizzata da forti tensioni etniche e religiose, che esplodono spesso in scontri violenti.

ZONE DI CAUTELA:
Va adottata particolare cautela nelle seguenti zone di confine del Paese:
a) quelle limitrofe allo Stato del Kachin ed alla Cina;
b) la regione del “triangolo d’oro” (area al confine tra il Myanmar, il Laos e la Thailandia), nota per la produzione di oppio. Peraltro, l’accesso in dette zone è consentito solo con autorizzazione delle Autorità locali, che può essere rifiutata per motivi di sicurezza. Tali aree sono normalmente fuori dagli abituali percorsi turistici. 

AVVERTENZE
Si raccomanda infine ai connazionali di registrare i dati relativi al viaggio che si intende effettuare nel Paese sul sito DoveSiamoNelMondo e di segnalare all’Ambasciata d’Italia a Yangon, all’arrivo in Myanmar, la propria presenza nel Paese.
Si segnala che in Myanmar, anche nelle zone urbane, sono presenti numerose specie di rettili alcuni dei quali velenosi.
Si consiglia inoltre di:
- attenersi strettamente alle istruzioni fornite in loco dalle agenzie turistiche o dalla guida di fiducia;
 - non esprimere in pubblico giudizi sulle Autorità politiche e governative locali;
 - non fotografare aeroporti, ponti, personale e strutture militari poiché rigorosamente vietato;
 - diffidare di occasionali “cambiavalute” (comprese le guide) che affollano i siti turistici ed i mercati frequentati dagli stranieri;
 - non indossare pantaloni corti e magliette senza maniche quando si visitano luoghi di culto in quanto i principali siti turistici del Paese sono buddisti;
 - rispettare gli usi e costumi locali, evitando così spiacevoli malintesi.
Prima di entrare in una pagoda o in un monastero è obbligatorio togliersi scarpe e calze.

Normativa prevista per l'uso e/o spaccio di droga (leggera e pesante): la legislazione birmana sull’uso e sul possesso degli stupefacenti è molto severa e, nei casi più gravi, è prevista la pena di morte. 

Normativa locale prevista per abusi sessuali o violenze contro minori: gli abusi sessuali sui minori sono considerati reati gravissimi e comportano pene detentive non inferiori ai sette anni; è previsto l’ergastolo nei casi più gravi.
Va ricordato, inoltre, che coloro che commettono all’estero reati contro i minori (abusi sessuali, sfruttamento, prostituzione) vengono perseguiti al loro rientro in base alle leggi in vigore in Italia. 

In caso di problemi con le autorità locali di Polizia (stato di fermo o arresto), compresi quelli per mancato rispetto delle norme stradali, si consiglia di informare sempre l’Ambasciata d’Italia a Yangon per la necessaria assistenza.

 


Situazione sanitaria

Strutture sanitarie: Le strutture ospedaliere locali sono in gran parte carenti ed inadeguate con attrezzature obsolete e disponibilità di medicinali limitata.
Le mete tradizionali, quali Mandalay, Bagan, Inle, Ngpali, Nwe Saung e poche altre sono dotate di modeste strutture sanitarie e di qualche mezzo di soccorso, mentre nelle zone limitrofe del Paese non vi sono generalmente mezzi per affrontare situazioni d’emergenza. 
L’esistenza di una rete telefonica obsoleta, soprattutto nelle zone periferiche, con problemi di interruzione delle linee condiziona talvolta la tempestività di intervento nei confronti di coloro che dovessero trovarsi in situazioni d'emergenza.
Si consiglia, pertanto, di stipulare, prima  di intraprendere il viaggio, una polizza assicurativa adeguata che preveda, oltre alla copertura delle spese mediche anche l’eventuale rimpatrio d’emergenza o trasferimento del malato in altro Paese.
A Yangon sono attive  limitate strutture sanitarie  con staff medico straniero  in grado di organizzare evacuazioni sanitarie di emergenza .
In caso d’infortunio serio o di grave malattia, si consiglia vivamente, il rientro in Italia oppure il ricovero presso strutture ospedaliere di Bangkok o di Singapore.

Malattie presenti: Le condizioni igienico-sanitarie del Paese sono precarie, in particolare nelle zone periferiche ed interne per la presenza di patologie tipiche delle zone tropicali quali: ameba, tubercolosi, malaria (plasmodium falciparum), dengue, dissenterie, epatiti tipo A e B, colera e tifo. Da ultimo, si registrano con sempre maggiore frequenza epidemie batteriologiche e virologiche legate al cibo, trattato con limitatissime pratiche igieniche.

Considerando che la febbre dengue è endemica in Myanmar, così come la malaria, in particolare nel periodo delle piogge (maggio-ottobre), si consiglia l’utilizzo di repellenti anti-zanzara sia durante il giorno sia nelle ore serali e notturne.  Per maggiori informazioni si prega di consultare il Focus “Sicurezza sanitaria – Misure preventive contro malattie trasmesse da puntura di zanzara” sulla home page di questo sito.
Numerosi sono i casi di HIV/AIDS. 
Secondo quanto riferito dal WHO (Organizzazione Mondiale della Sanità), non sarebbero al momento presenti nel Paese casi umani di influenza aviaria. Tuttavia, in considerazione della presenza di focolai su pollame morto in varie parti del Paese registrati nel recente passato, si consiglia, a titolo precauzionale, di consumare carne e uova di volatili e pollame solo ben cotte e di evitare il contatto diretto con volatili vivi o morti. Per ulteriori informazioni si rinvia all’opuscolo “L’influenza aviaria: rischi, informazioni e misure preventive”, riportato sulla pagina principale di questo sito. Maggiori informazioni possono anche essere reperite presso la propria ASL o consultando i siti del Ministero della Salute: www.ministerosalute.it, o l’Organizzazione Mondiale della Sanità: www.who.int/csr/don 

Avvertenze: Si consiglia, inoltre, di:
- sottoporsi ad una profilassi antimalarica, previo parere medico, se ci si reca in zone interne e rurali;
- sottoporsi, previo parere medico, alle vaccinazioni contro: l’epatite A e B (diffusa tra la popolazione locale), l’encefalite giapponese, il tifo, la rabbia, la difterite ed il tetano;
- non assumere acqua corrente e non bere latte e bevande di produzione locale, evitando in ogni caso di aggiungere il ghiaccio;
- evitare di consumare verdura fresca e frutta che non siano state ben lavate con acqua  potabile ed in seguito disinfettate;
- proteggersi dalle punture di insetti.
- evitare di andare a piedi nudi per prevenire infezioni da funghi o da parassiti;
- evitare di bagnarsi in corsi d’acqua o nei laghi.

Il vaccino contro la febbre gialla è obbligatorio per tutti i viaggiatori  di età superiore ad 1 anno provenienti da Paesi a rischio di trasmissione della malattia, con l’esclusione di Panama, nonché per i viaggiatori che abbiano anche solo transitato per più di 12 ore nell’ aeroporto di un Paese a rischio di trasmissione della malattia.

 Si ricorda l’opportunità di consultare la guida predisposta dal Ministero della Salute al presente link, nonché di sottoscrivere – prima della partenza – una assicurazione che copra eventuali spese sanitarie (anche per il rimpatrio o il trasferimento aereo in un altro Paese).

 


Viabilità

Patente
Patente per visitatori rilasciata su presentazione della patente italiana o della patente internazionale alla Polizia locale a Yangoon.
 
Assicurazione
RCA obbligatoria.

Importazione temporanea di veicoli
È richiesto il carnet di passaggio in dogana per veicoli importati temporaneamente. Ulteriori informazioni al sito www.aci.it/index.php?id=2090

Trasporti:
I mezzi di trasporto pubblici urbani (inclusi i taxi) sono obsoleti ed in cattivo stato di manutenzione. Nell’uso dei taxi è bene stabilire chiaramente con i tassisti la destinazione ed il prezzo. Si fa presente che molto spesso i tassisti hanno una conoscenza molto scarsa della lingua inglese.
Il numero di incidenti dovuti alla guida spericolata ed al mancato rispetto delle norme stradali è alto, e comunque in rapido  aumento, a seguito della crescita esponenziale dei veicoli in circolazione.

Collegamenti aerei con l’Europa: non vi sono voli di linea diretti con l’Europa.

Collegamenti stradali: la limitata rete stradale all’interno del Paese è in cattive condizioni, che peggiorano durante la stagione delle piogge.

I veicoli sono generalmente privi di assicurazione.
Il rifornimento di carburante all’interno del Paese può risultare difficile.

Avvertenze: per la legge birmana, ogni autista coinvolto in un incidente stradale con un pedone è considerato sempre colpevole. Si raccomanda, pertanto, di evitare di mettersi alla guida di un’autovettura anche se si è in possesso di patente internazionale. E’ preferibile noleggiare un’auto con autista.
In caso di incidente stradale si consiglia di scattare una foto ed attendere i rilievi degli agenti. Generalmente la polizia accorre rapidamente sul luogo degli incidenti che coinvolgono stranieri.
Sulle strade statali non è assicurata l’assistenza per emergenze (autoambulanze, centri di pronto soccorso, ecc.).

Rete ferroviaria: la rete ferroviaria birmana non è elettrificata ed il servizio non rispecchia il livello delle ferrovie occidentali.

Rete aerea interna: si segnala che i voli interni sono effettuati da diverse compagnie aeree: Air Mandalay, Air Bagan, Yangon Airways e Myanma Airways. Con voli Myanma Airways ed Air Bagan nel corso degli ultimi anni si sono verificati  alcuni incidenti, fortunatamente solo in un caso con vittime (Myanma Airways, nel 1998). Indicazioni in merito alla sicurezza dei voli ed alla affidabilità delle compagnie aeree sono rese disponibili dall'ENAC (Ente Nazionale per l'Aviazione Civile) sul sito: www.enac.gov.it, nonché attraverso il Numero Verde ENAC 800898121.